Cervicobrachialgia

Cervicobrachialgia

Questo termine indica le sindromi dolorose che interessano la porzione posteriore del collo, il cingolo scapolare (spalla) e gli arti superiori. Le cause sono molteplici, ed è peculiare che la sede di origine del dolore sia distante dalla sede in cui esso si irradia.

Schematicamente le cervicobrachialgie possono essere così distinte in base alla causa (vengono indicate le patologie più frequenti):

  • lesioni del sistema nervoso centrale (tutte le situazioni in cui vi è un danno del midollo cervicale, es. siringomielia o tumori)
  • lesioni vertebrali e radicolari (artrosi cervicale, ernie discali cervicali, infiammazioni e tumori della colonna cervicale). In caso di lesione radicolare il dolore è irradiato al territorio corrispondente (es. per la quinta radice cervicale il dolore è nella porzione antero-interna del braccio in corrispondenza del muscolo bicipite)
  • lesioni del plesso brachiale (per strappamento traumatico e dopo radioterapia)
  • lesioni dei tronchi nervosi periferici (tipica la distribuzione, come nel caso del tunnel carpale)
  • base traumatica e da patologie ortopediche
  • malattie reumatologiche (periartriti, malattia reumatica)
  • malattie sistemiche (disturbi della circolazione, dolore riferito – es da ischemia cardiaca)
  • sovraccarico
  • base psicogena (da somatizzazione).

Per una adeguata terapia è necessario identificare la causa: elementi adiuvanti sono i dati anamnestici, l’esame obiettivo generale e neurologico e gli esami diagnostici.